FAILLA : IL CONSIGLIO COMUNALE DI MODICA NON HA SAPUTO RISPONDERE ALLE ESIGENZE DEI CITTADINI

" Accuse che pesano come macigni sui trenta consiglieri comunali. Piano Regolatore Generale, assenza di una discarica dove conferire i rifiuti, bilancio di previsione al palo. Sono i tre argomenti scelti dal vice presidente del consiglio provinciale, Sebastiano Failla, per infierire contro i trenta consiglieri, rei – a suo dire – di non avere saputo rispondere alle esigenze dei cittadini modicani. Nel mirino, soprattutto, il presidente della civica assise, Enzo Scarso, il quale – secondo Sebastiano Failla – “ha dimostrato mancanza di autorevolezza e mancanza di capacità amministrativa. Lui, garante dell’espressione della città, non ha saputo guidare il consiglio verso il raggiungimento di obiettivi importanti. Il prossimo consiglio – aggiunge Failla – ha l’obbligo di chiudere queste importanti partite. Bisogna individuare un sito per la discarica che non sia tra quelli già proposti all’Ato Ambiente, per potere dare alla città la prospettiva di potere gestire con serenità i propri rifiuti. Bisogna immediatamente mettere mano al bilancio di previsione 2008 per cominciare a chiudere le falle di bilancio che vanno superate. Bisogna dare alla città il Prg per potere finalmente avere una prospettiva omogenea di sviluppo edilizio della città. Mi auguro che i 30 consiglieri che la città sceglierà, saranno consci di avere di fronte un momento storico, istituzionale e politico tra i più difficili della sua storia."

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa