Modica: I dipendenti della Multiserivi non possono usufruire delle ferie maturate

I dipendenti della Multiservizi che espletano il servizio di guida ed assistenza scuolabus non possono usufruire delle ferie maturate. Ciò perchè il 19 giugno sono stati sospesi dal lavoro e riprenderanno con la riapetura dell’anno scolastico. E’ il segretario provinciale della Funzione Pubblica Cgil, Salvatore Terranova, a denunciare le mancate risposte al sindacato da parte del vecchio e nuovo amministratore delegato della Modica Multiservizi per l’ampliamento dell’organico in modo da garantire, durante l’attività lavorativa, le legittime ferie al personale. "Per garantire ininterrottamente nel corso dell’anno il servizio scuolabus – scrive Salvatore Terranova – i dipendenti non possono programmare le ferie maturate e, addirittura, non ne possono beneficiare, visto che – a conclusione dell’anno scolastico – vengono mesi in sospensione, cosi come prevede il loro contratto individuale di lavoro. Dopo tante trattative ed almeno tre proposte avanzate dal sindacato e del tutto fattibili, la Multiservizi non riesce a dare un’adeguata soluzione alla problematica, in modo da consentire, da un lato ai dipendenti interessati di potere beneficiare di un diritto intangibile senza determinare, dall’altro, incrinature nella ormai consolidata e sperimentata organizzazione del servizio scuolabus". La Cgil propone, ancora una volta, la modifica della durata del contratto individuale di lavoro dei dipendenti, dal primo settembre al trenta giugno di ogni anno, anzichè al 18 giugno, prevedendo un prolungamento della durata lavorativa necessaria ad organizzare meglio il servizio scuolabus e ad un tempo, consentire la piena agibilità di un intoccabile diritto. Terranova concede quarantotto ore di tempo alla società per l’approvazione della proposta, altrimenti, è probabile che – i lavoratori – non si presenteranno in servizio con la riapertura dell’anno scolastico.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa